A Pompei rinascono sei domus

28 dicembre 2015

Pompei, Casa del Crioptoportico

Qui c’è il passato straordinario dell’Italia e un grande pezzo del nostro futuro. Saremo sempre testardamente e tenacemente dalla parte della bellezza e di chi i problemi li affronta per risolverli”. Con queste parole il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha presentato a Pompei la riapertura di sei domus, importante step verso la realizzazione dell’ampio progetto della Grande Pompei.

Ad accompagnarlo c’era anche il Ministro dei beni culturali Dario Franceschini, secondo cui “il lavoro costante, silenzioso, lungo della Soprintendenza e della Direzione Generale del Grande Progetto ha consentito di rispettare i tempi concordati con l’Unione Europea per impegnare i 105 milioni di fondi europei. La rinascita di Pompei è ormai evidente e lo hanno riconosciuto anche gli ispettori Unesco: le possibilità di crescita sono ancora tante e tutte straordinarie”.

Già accessibili al pubblico, gli edifici restaurati sono così denominati: la Fullonica di Stephanus, la Casa del Criptoportico (nell’immagine in apertura), la Casa di Paquius Proculus, la Casa del Sacerdos Amandus, la Casa di Fabius Amandio e la Casa dell’Efebo.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close