I Guerrieri di Xi’an secondo Sandro Chia

1 gennaio 2016

Sandro Chia I Guerrieri di Xi'an

L’arte contemporanea incontra la Storia, grazie all’impareggiabile creatività di Sandro Chia. Famoso esponente della Transavanguardia – il movimento teorizzato da Achille Bonito Oliva all’inizio degli anni Ottanta – l’artista toscano continua a stupire il pubblico con opere lontane dalle definizioni di genere.

Fino all’8 maggio 2016, il Centro Saint-Bénin di Aosta fa da cornice a Sandro Chia. I Guerrieri di Xi’an, l’originale evento espositivo che riunisce le reinterpretazioni scultoree del celeberrimo esercito di statue in terracotta appartenenti al terzo secolo avanti Cristo e scoperte nel 1974. Originariamente dipinti a colori, i guerrieri hanno conosciuto nuova fama grazie al Museo di Xi’an, che ne ha commissionato una serie di copie anch’esse in terracotta, ma incolori.

L’operazione compiuta da Chia è un’ideale “appropriazione” artistica: a partire dalle copie, il pittore fiorentino ha realizzato una collezione di statue policrome ispirate ai guerrieri, celebrandone il valore. Tra le opere in mostra, decorate con i motivi formali tipici di Chia, spiccano nove grandi Guerrieri, un Cavallo e sette piccole Teste, mentre un gruppo di grandi monotipi e una selezione di opere grafiche completano l’esposizione.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close