Un nuovo Colosso di Rodi per la Grecia

1 Gennaio 2016


L’ormai decennale ipotesi di ricostruzione del leggendario Colosso di Rodi sembra essere vicina a una svolta. Appartiene a un team internazionale di ingegneri e architetti il progetto di rifacimento dell’imponente statua al dio Helios che, secondo leggenda, accoglieva le navi in arrivo a Rodi nel terzo secolo avanti Cristo.

Secondo i sostenitori, il progetto contribuirebbe a rilanciare il turismo greco in un momento di estrema difficoltà per l’economia ellenica come quello degli ultimi anni. Le caratteristiche del futuro Colosso sono impressionanti: la statua oltrepasserà i 150 metri d’altezza, ospiterà un museo, una biblioteca e una serie di negozi e fungerà anche da faro. L’impronta “green” sarà garantita dal completo rivestimento in pannelli solari.

A metà tra Storia e mito, la statua originale in ferro e bronzo, considerata una delle sette meraviglie del mondo, sarebbe stata innalzata nel porto di Rodi in onore della divinità associata al Sole. Alto una trentina di metri – un record per l’epoca – il Colosso andò in frantumi durante il disastroso terremoto del 226 a. C. senza mai essere ricostruito per non incappare nell’ira divina. A distanza di migliaia di anni, il Colosso potrebbe assumere un significato tutto nuovo.