Tra arte e rito, alla Fòcara di Novoli

14 gennaio 2016

Nadie-atraviesa-la-región-sin-ensuciarse.-2015-Regina-José-Galindo

Mancano solo una manciata di giorni all’avvio di un rito che, ogni anno, richiama migliaia di spettatori da tutta Italia. La cornice è Novoli, una piccola cittadina del Salento, ospite della famosa Fòcara, il grande falò in onore di Sant’Antonio Abate, la cui accensione è prevista sabato 16 gennaio.

All’evento clou della manifestazione, rappresentato dal scenografico rogo della pira, si aggiungono una miriade di appuntamenti collaterali, in linea con la ritualità dell’iniziativa. Venerdì 15 gennaio, la famosa artista Regina José Galindo sarà protagonista di una performance emozionante, che coinvolgerà gli abitanti di Novoli. Avvolta in un “abito” di fascine, l’artista latinoamericana si immedesimerà nella Fòcara, celebrandone il fortissimo valore rituale e purificatorio.

Sabato 16 gennaio, invece, sarà Gianfranco Baruchello a entrare in dialogo con la monumentale struttura del falò. Una processione composta da ottanta abitanti di Novoli porterà in corteo altrettante bandiere, elaborate dallo stesso Baruchello combinando le 196 bandiere del mondo in un unico mosaico. Una parte di bandiere sarà poi arrotolata e disposta alla base del falò, contribuendo a una cerimonia dalla potente valenza collettiva.

[Immagine in apertura: Regina José Galindo, Nadie atraviesa la región sin ensuciarse, 2015]