L’archivio di Bob Dylan ha trovato casa

5 marzo 2016

Bob Dylan

L’immenso archivio di Bob Dylan, costituito da 6mila documenti raccolti in quasi 60 anni di carriera artistica, è stato acquisito dalla George Kaiser Family Foundation (GKFF) e dall’Università di Tulsa (TU). Qui sarà ospitato permanentemente e poi esposto al pubblico, dopo un processo di inventariazione e di digitalizzazione che durerà almeno due anni.

Una bella opportunità per questa città dell’Oklahoma, già sede di un museo dedicato al cantante folk Woody Guthrie – una delle prime influenze di Dylan, che così ha commentato: “Sono contento che i miei archivi, raccolti in tutti questi anni, abbiano finalmente trovato casa, accanto alle opere di Woody Guthrie e, soprattutto, ai pregevoli manufatti dei nativi americani. Questo mi fa un grande onore”.

Nell’archivio, oltre agli immancabili memorabilia – come la nota scritta con l’indirizzo e il numero di telefono di Johnny Cash, o il biglietto da visita di Otis Redding – figurano anche i testi e gli accordi di canzoni mai registrate.