Ferrara al femminile, con la Biennale Donna

22 aprile 2016

Anna Maria Maiolino, Entrevidas (Between Lives) dalla serie Photopoemaction

Dopo la pausa forzata a causa del tremendo terremoto che ha colpito Ferrara nel 2012, la città emiliana saluta il ritorno di Biennale Donna, che si terrà fino al 12 giugno presso il Padiglione d’Arte Contemporanea. In linea con lo spirito della rassegna – incentrata sul rapporto fra la creatività femminile e le dinamiche socioculturali, geopolitiche e identitarie – l’edizione di quest’anno punta lo sguardo sulle artiste dell’America Latina.

Curata da Lola G. Bonora e Silvia Cirelli, la Biennale Donna presenta la collettiva Silencio Vivo, portando a Ferrara alcune delle voci che meglio rappresentano l’eccezionale pluralità espressiva dell’America Latina: Anna Maria Maiolino, Teresa Margolles, Ana Mendieta e Amalia Pica.

L’esposizione rintraccia nella ricerca creativa delle quattro protagoniste alcune tematiche ricorrenti, legate alla realtà latinoamericana, come l’esperienza dell’emigrazione, le conseguenze delle dittature militari, la criminalità, la censura e la fragilità delle relazioni umane. Artiste ormai entrate nella storia e giovani talenti contemporanei innescano una profonda riflessione sulla lettura della realtà dal punto di vista femminile.

[Immagine in apertura: Anna Maria Maiolino, Entrevidas (Between Lives), dalla serie Photopoemaction]