Il cinema biografico è di scena a Bologna

6 maggio 2016


Il grande cinema biografico sta per calcare nuovamente le scene bolognesi con la dodicesima edizione del Biografilm Festival, il primo evento internazionale interamente dedicato ai racconti biografici. Anche quest’anno, la kermesse può contare su un ricco programma di anteprime, sulla presenza di ospiti internazionali e su importanti eventi di carattere musicale, attorno al tema – quanto mai attuale – della civiltà digitale.

Dal 10 al 20 giugno, il festival confermerà il suo interesse verso i talenti emergenti grazie a due sezioni competitive che daranno spazio ad autori e pellicole ancora tutti da scoprire, mentre tre film del concorso internazionale saranno presentati in anteprima mondiale e nella sezione Biografilm Italia saranno ben quattro le opere prime. Oltre ai nuovi volti del cinema documentario, il festival includerà anche le pellicole di maestri come Werner Herzog, Alex Gibney e Morgan Neville.

Si rinnoverà, inoltre, l’appuntamento con la sezione Best of Fest, intitolata alle opere che hanno entusiasmato pubblico e critica nell’ambito dei migliori festival mondiali, con un focus sul festival Ambulante | Gira de documentales, fondato da Gael García Bernal. Anche quest’anno la sezione Comtemporary Lives sarà dedicata ai personaggi che più di altri hanno segnato il presente, mentre No Borders aprirà le porte a una riflessione sui confini geografici e Biografilm Europa e Worldwilde si concentreranno sui biopic internazionali.

Il legame tra il cinema, l’arte e la musica sarà l’argomento cardine di Biografilm Arte – che includerà uno speciale su Christo – e Biografilm Music, una raccolta di documentari a tema musicale. Il calendario di Bio Parco, la rassegna di eventi fuori sala ospitati nella suggestiva location del Parco del Cavaticcio, proporrà tre settimane di concerti aperti al pubblico, dall’1 al 21 giugno, che raccoglieranno il meglio delle band indipendenti e alternative italiane, come Marta sui Tubi, Nada ed Enrico Rava.

[Immagine in apertura tratta da Shashamane, film di Giulia Amati, 2016]