L’omaggio di Salisburgo a William Shakespeare

13 maggio 2016


È una kermesse di grande richiamo, quella che va in scena a Salisburgo fino al prossimo 16 maggio. Sotto la direzione di Cecilia Bartoli, l’appuntamento con il festival di musica e teatro è quest’anno all’insegna di una delle tragedie più note al mondo, Romeo e Giulietta.

A 400 anni dalla sua morte, il Festival di Salisburgo rende omaggio a William Shakespeare con un programma affascinante. Dopo l’esordio affidato a West Side Story, l’opera di Leonard Bernstein, basata sulle coreografie di Jerome Robbins e sul libretto di Stephen Sondheim, il 14 maggio sarà la volta di Giulietta e Romeo di Nicola Antonio Zingarelli, capolavoro della scuola napoletana fra Settecento e Ottocento, interpretato dal controtenore Franco Fagioli e dal soprano danese Ann Hallenberg.

Domenica 15 maggio la musica da camera sarà protagonista con l’esibizione della violinista Julia Fischer e della pianista Milana Chernyavska, su musiche dedicate agli sfortunati amanti veronesi, mentre il balletto animerà la serata con Romeo and Juliet by John Cranko.
L’ultima giornata vedrà in scena The Tallis Scholars e l’Orchestra Sinfonica di Vienna; per tutte le giornate del festival, infine, saranno proiettate le pellicole che hanno portato Romeo e Giulietta sul grande schermo.