A Londra, i maestri del Secolo d’oro olandese

14 maggio 2016

Jacob Savery, A Village Kermis, 1598, (c) Victoria and Albert Museum, London

Niente è più calzante della celebre espressione Golden Age, per definire il florido Seicento olandese, sia sul piano sociale sia dal punto di vista creativo. Vero e proprio epicentro economico, commerciale e artistico dell’epoca, i Paesi Bassi rappresentarono per tutto un secolo un punto di riferimento cui ispirarsi.

La mostra allestita presso una delle gallerie del celebre Victoria and Albert Museum di Londra regala al pubblico un importante colpo d’occhio sulla produzione artistica del tempo, attraverso alcuni capolavori grafici presenti nella sua collezione.

Hans Bol, A Covered Wagon Traversing a Road Between Two Inns, 1580 (c) Victoria and Albert Museum, London

Master Strokes: Dutch and Flemish Drawings from the Golden Age accosta alcuni famosi disegni di Peter Paul Rubens, Anthony van Dyck e Rembrandt van Rijn ai lavori di artisti coevi, ma meno conosciuti. In un percorso attraverso i secoli, l’esposizione rintraccia i modelli degli artisti secenteschi e l’influenza esercitata da questi ultimi sui loro successori, segnando le tappe di una gloriosa tradizione.

[Immagine in apertura: Jacob Savery, A Village Kermis, 1598, (c) Victoria and Albert Museum, London. Immagine nell’articolo: Hans Bol, A Covered Wagon Traversing a Road Between Two Inns, 1580, (c) Victoria and Albert Museum, London]