Il paesaggio umano di Massimo Vitali, in mostra a Londra

19 maggio 2016

Massimo-Vitali-Piscinão-de-Ramos-Brazil-4731-2013-chromogenic-print-on-Diasec-182-x-226-cm-courtesy-the-artist-and-Ronchini-Gallery

Dal 20 maggio al 18 giugno, la Ronchini Gallery di Londra farà da sfondo all’omonima mostra intitolata al fotografo italiano Massimo Vitali, al debutto sul suolo inglese con la sua prima personale. Originario di Como e forte di un passato da fotogiornalista, l’autore porta a Londra i suoi recenti ritratti della contemporaneità.

Protagoniste della mostra le istantanee realizzate da Vitali fra il 2011 e il 2014, frutto di un costante work in progress sugli elementi disturbanti della quotidianità. Dominano la rassegna britannica le celebri spiagge affollate immortalate dal fotografo a poca distanza da Lucca, sua città di adozione.

Immagini stranianti di un presente fatto di luoghi densamente frequentati, le opere di Vitali descrivono le spinte contraddittorie dell’oggi, tra omologazione e solitudine. Completa l’esposizione uno scatto del 2012, realizzato in un parco nazionale del nord-est brasiliano e incentrato su un paesaggio sabbioso in cui non c’è traccia della presenza umana, creando un efficace contrasto con la serie delle vedute italiane.

[Immagine in apertura: Massimo Vitali, Piscinão de Ramos, Brazil (#4731), 2013, chromogenic print on Diasec, 182 x 226 cm, courtesy l’artista e Ronchini Gallery