Cinema e 3D, una questione vintage

28 settembre 2016


Nonostante l’incredibile successo raggiunto in epoca recente, il cinema 3D ha origini “antiche”, legate alla nascita stessa della settima arte. Un progetto editoriale senza precedenti affronterà questo intrigante argomento, offrendo per la prima volta al pubblico un’inestimabile serie di film tornati a splendere nel loro formato originale, il 3D, protagonisti di un nuovo canale Sky dedicato alla loro storia.

Da sabato 8 a domenica 16 ottobre, Sky 3D Vintage proporrà una serie di film che hanno gettato le basi della tridimensionalità, dalle prime sperimentazioni all’anaglifo sino all’attuale 3D stereoscopico. I film saranno disponibili in 3D al canale 150 di Sky e, in occasione del primo weekend (8-9 ottobre) anche in HD su Sky Cinema 3D Vintage (canale 304). Entrambi i canali tematici sono Patrocinati dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – Direzione Generale Cinema.

Oltre venti i titoli che saranno trasmessi, fra cui il primo film 3D della storia del cinema, Il Calderone Infernale di Georges Méliès datato 1903 (e la cui scoperta risale solo al 2007) e L’arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat di Louise Lumière, la cui versione 3D è datata 1935. Passando poi per l’animazione di Gulliver’s Travel (1939), riscopriremo l’età dell’oro del cinema in 3D con capolavori senza tempo come Il Delitto Perfetto, firmato dal maestro del brivido Alfred Hitchcock, Il Mostro della Laguna Nera e il primo 3D italiano, Una Domenica a Capri, presentato in 3D alla kermesse cinematografica di Venezia nel 1953 e custodito dall’Archivio Storico Luce, fino ad arrivare agli inizi degli anni Novanta, con le riedizioni in 3D dei blockbuster del passato tra cui Top Gun, a trent’anni dal suo debutto.

Pr raccontare questa vicenda, a corredo dell’operazione editoriale, è stato realizzato da Sky e Stand be Me il documentario Viaggio nel Cinema in 3D – Una storia Vintage – in onda in prima visione sabato 8 ottobre alle 21.15 su Sky 3D Vintage, Sky Cinema 3D Vintage e Sky Arte HD –, presentato alla 73. Mostra del Cinema di Venezia. La voce narrante del documentario – che ha ottenuto il Patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – Direzione Generale Cinema – appartiene a Sergio Castellitto e guiderà il bambino protagonista del lungometraggio attraverso i film e i personaggi che hanno fatto la storia del 3D, evocando le vicende dei pionieri visionari che, con pochi mezzi e molta fantasia, hanno contribuito a dare una forma tridimensionale “alla materia di cui sono fatti i sogni”.