Il bestiario del Dr. Seuss, dai libri illustrati alla scultura

10 ottobre 2016

Dr. Seuss, The Powerless Puffer

Per il grande pubblico, Dr. Seuss – all’anagrafe Theodor Seuss Geisel – è stato soprattutto un acclamato scrittore e fumettista statunitense, con oltre 60 titoli all’attivo nell’editoria per ragazzi. In pochi, infatti, erano al corrente delle sue abilità come pittore e sculture, nonostante fosse conosciuto e apprezzato anche per il suo talento di illustratore.

Fino al 1997, la moglie del Dr. Seuss ha celato con notevole discrezione un autentico segreto, tenendo fede in questo modo a una promessa fatta al marito. Solo sei anni dopo la morte dell’ideatore di personaggi estremamente fantasiosi, la signora Seuss Geisel ha reso nota l’esistenza di una collezione di bizzarre sculture.
Queste opere, realizzate da Dr. Seuss soprattutto nelle ore notturne, restituiscono “in 3D” una versione realistica di alcuni dei protagonisti dei suoi volumi. Diciassette di questi singolari esemplari scultorei, insieme a una selezione di dipinti e disegni rari, stanno per confluire in If I Ran the Zoo, la mostra in programma dal 12 al 27 novembre 2016 presso la LaMantia Gallery di Northport, New York.
Una singolare rassegna di stravaganti creature, che non smetteranno di affascinare chi crede nel potere dell’immaginazione.

[Immagine in apertura: Dr. Seuss, The Powerless Puffer]