La Polonia acquista la Dama con l’ermellino di Leonardo

1 Gennaio 2017


Risale al 29 dicembre scorso, l’accordo in base al quale lo Stato polacco acquisterà la nota Collezione Czartoryski. Risalente al 1801, la raccolta – istituita dalla Principessa Izabela Czartoryska – conta fra i suoi pezzi opere di Rembrandt e Pieter Brueghel il giovane, ma è soprattutto l’iconica Dama con l’ermellino di Leonardo a conferire alla notizia della vendita una così grande eco mediatica.

Protagonista di alterne fortune critiche, l’opera si sommerà al resto dei capolavori acquistati dalla Polonia per 100 milioni di dollari, una cifra davvero vantaggiosa se si pensa che il valoro effettivo è stimato in 2 miliardi. Per consentire l’acquisizione da parte dello Stato, la Fondazione che gestisce la raccolta ha dovuto modificare il proprio statuto, che fissava la collezione come indivisibile e non trasferibile. Proprio per questo tutti i membri del consiglio di amministrazione, esclusi dai colloqui relativi alla vendita, si sono dimessi in segno di protesta.

Come confermato dall’erede Adam Karol, l’intera operazione risponderebbe alle scelte della famiglia, decisa a donare la collezione allo Stato. Ciò spiegherebbe le ragioni di un importo per la cessione sensibilmente inferiore alla stima del patrimonio.
La maggior parte delle opere sono esposte al National Museum di Cracovia, eccetto il dipinto di Leonardo, custodito presso il Castello Reale del Wawel. La loro collocazione non dovrebbe cambiare, poiché l’unico vincolo imposto è che la collezione non potrà lasciare la Polonia.