Salvo e Alighiero Boetti, due amici uniti dall’arte

10 aprile 2017


È in corso fino al 27 agosto 2017 la mostra Boetti/Salvo. Vivere lavorando giocando, presso il Museo d’arte della Svizzera italiana: un’indagine della relazione intellettuale e del rapporto di amicizia intercorsi tra Alighiero Boetti e Salvo, sullo sfondo della Torino dei tardi Anni Sessanta, attraverso l’esposizione di 150 opere provenienti da musei, gallerie e collezioni private.

Con un titolo tratto da una citazione di Salvo che, nel maggio 2011, definì con questi tre termini il suo rapporto con Alighiero in occasione di una giornata di studio dedicata a Boetti, la mostra di Lugano intende dare forma visiva a questa intensa avventura esistenziale.
Un “giocare” con l’arte che era in realtà attività rigorosa, avvincente ed irrinunciabile per queste due figure, tra le più originali della scena artistica italiana della seconda metà del Novecento, che iniziarono la loro attività sul finire degli anni Sessanta nel capoluogo piemontese, città in quel periodo teatro di particolare fermento artistico e intellettuale. Proprio a Torino, dal 1969 al 1971, I due autori condivisero anche lo studio in Corso Principe Oddone 88.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close