Il bianco e nero contrastato di Michael Ackerman

14 agosto 2017


Michael Ackerman, sin dalla sua prima mostra nel 1999, ha un modo molto particolare di intendere la fotografia documentaria: con un bianco e nero dai forti contrasti, dove i soggetti più chiari riverberano come di luce propria e l’oscurità incombe agli angoli, i suoi scatti radicali documentano l’esperienza umana, più che il “dato”.
Invece di formati panoramici e descrizioni puntuali, di aneddoti dai quattro angoli del mondo frammisti a quel tono esotico che non fa mai male – alle vendite delle stampe, s’intende – il fotografo della francese Agenzia VU preferisce trovare nei suoi soggetti quelle stesse sensazioni che lo spingono nella sua ricerca autoriale: i dubbi, forse anche una sottile angoscia.

Sgranate ed enigmatiche, le foto di Ackerman sono ora in mostra a Milano – fino al prossimo 16 settembre – presso la Leica Store & Galerie, oggetto della mostra personale Waterkmark curata da Claudio Composti, in collaborazione con mc2gallery.
E proprio il “segno distintivo” dell’opera del fotografo americano (ma di origini israeliane) non è una firma o un marchio (il cosiddetto watermark, appunto) ma un approccio, un modo di connettersi alla realtà che è sia radicale sia umano, “troppo umano”.
Annullando spesso coordinate geografiche e riferimenti temporali, Ackerman documenta di fatto il vissuto dei suoi soggetti, il fattore biografico – e autobiografico, considerando che ha dedicato non poche pose a sua moglie e alla loro figlia – invece di quello storico, che si intuisce come grande causa scatenante di emozioni, una strettamente legata all’altra come lo sono il buio e la luce, il bianco e il nero.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close