Cividale del Friuli ricorda la Grande Guerra

25 ottobre 2017


Saranno l’attore Luca Zingaretti e lo storico Alessandro Barbero i protagonisti della tre giorni con cui Cividale del Friuli, in provincia di Udine, commemorerà i cento anni dalle battaglie della Grande Guerra. Da venerdì 27 a domenica 29 ottobre, la città patrimonio Unesco accoglierà infatti una serie di appuntamenti promossi sul filo della memoria, tra arte e teatro, ripercorrendo alcune delle tappe che hanno coinvolto in prima linea il suo territorio durante il primo conflitto mondiale.

Sarà proprio nei pressi di uno dei luoghi simbolo dell’identità locale ‒ il Ponte del Diavolo sul fiume Natisone, nella foto in apertura, fatto saltare per rallentare l’ingresso degli austroungarici in città ‒ che Luca Zingaretti interpreterà brani tratti dai diari di Monsignor Valentino Liva. Attraverso una lettura scenica, il popolare attore darà voce alla parole scritte dei tragici giorni dei bombardamenti, in un alternarsi di emozioni: dalla sofferenza per l’occupazione fino alle speranze legate alla liberazione. Ad accompagnarlo in questa narrazione saranno le note del pianoforte di Andrea Rucli, noto pianista cividalese.

Il ponte, inoltre, sarà al centro del lavoro congiunto di artisti austriaci, sloveni, tedeschi e italiani: insieme, “in una sorta di patto di pace tra nuove generazioni“, firmeranno un’installazione realizzata nel piano di calpestio e nei parapetti della struttura che connette le due sponde del fiume. Scritto da Alessandro Barbero e pubblicato da Laterza, il nuovo libro Caporetto sarà presentato in città in occasione di questa iniziativa. Al Teatro Ristori, domenica 29 ottobre, si terrà un incontro coordinato da Angelo Floramo, nel corso del quale saranno ricordati i momenti culminanti di quella pagina della storia italiana, meritevole di essere conosciuta e spiegata anche un secolo dopo.