I murales itineranti di Massimo Sirelli , ispirati al viaggio dei migranti

5 novembre 2017


Per la fisica le onde possono propagarsi sia attraverso un materiale sia nel vuoto. Da questa definizione scientifica, è partita la riflessione dell’artista Massimo Sirelli, catanzarese di stanza a Torino, che si è concentrato sul significato della parola “onde” per dare origine a un progetto artistico omonimo.
Onde è un progetto di muralismo itinerante”, spiega Sirelli. “Le onde invadono le superfici dei luoghi che ospitano l’intervento in maniera casuale e imprevista. Senza un progetto preparatorio, la creazione dell’op​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​era viene eseguita senza un sopralluogo preliminare, andando incontro a tutti gli imprevisti e le difficoltà del caso. Onde è un progetto dedicato a chi affronta le difficoltà più alte della sua vita, cercando sempre di “cavalcare” l’onda più difficile. Cosi come chi affronta un viaggio per mare, rischia la vita e lascia tutto, senza sapere cosa lo aspetterà all’orizzonte.” Finora, le prime due tappe si sono svolte al Farm Cultural Park di Favara e al Face Festival di Reggio Calabria per raccontare, come dice l’artista, “questo mare che tanto ci unisce quanto ci divide“.