Il bestseller di Umberto Eco per la prima volta a teatro

5 novembre 2017


È uno dei romanzi più famosi di sempre, non soltanto all’interno dei confini italiani, ma anche a livello internazionale. Scritto nel 1980 da Umberto Eco, Il nome della rosa mescola diversi registri letterari, combinando la storia e il giallo, senza dimenticare la filosofia.

A distanza di oltre trent’anni dalla sua stesura e a un anno dalla morte di Umberto Eco, il romanzo è oggetto della trasposizione teatrale a opera di Stefano Massini, con la regia di Leo Muscato. A fare da cornice a un evento di così grande richiamo è il Teatro Franco Parenti di Milano, dove lo spettacolo andrà in scena fino al 12 novembre.

Frutto della collaborazione fra i Teatri Stabili di Genova, del Veneto e Torino, Il nome della rosa accende i riflettori sulle vicende di Guglielmo da Baskerville e del discepolo Adso da Melk, evocate sul palcoscenico da un cast stellare, che vede tra le sue file attori del calibro di Luca Lazzareschi, Eugenio Allegri e Luigi Diberti.

Grazie alle scenografie di Margherita Palli e ai costumi di Silvia Aymonino, le atmosfere del romanzo ritrovano nello spettacolo tutta la loro potenza e rendono omaggio all’efficace narrazione messa in campo da un maestro della parola come Umberto Eco.