L’arte a tutto tondo di Antonio Marras, “riscoperto” da Massimo Minini

24 novembre 2017

Antonio Marras_Sott'acqua_2017_Foto_Daniela_ZeddaB

C’è grande attesa per l’inaugurazione della mostra antonio marras. seipersei, allestita presso la Galleria Massimo Minini  di Brescia dal 25 novembre al 21 gennaio 2018. Considerato fra gli indiscussi talenti della moda mondiale, lo stilista sardo mette in campo la sua passione per le arti visive, offrendo al pubblico un colpo d’occhio sui suoi disegni, sulle opere pittoriche e su alcuni lavori creati appositamente per la rassegna bresciana.

Frutto di un dialogo serrato con Massimo Minini, la mostra trova le sue ragioni d’essere nelle parole dello stesso gallerista, il quale evidenzia il fatto che Marras sia “noto, anzi notissimo, come creatore di moda, una moda molto particolare, legata anche all’arte, anzi sicuramente, per l’influenza del lavoro di Maria Lai di cui Marras è grande ammiratore e promotore, forse allievo, forse collega. Un mondo particolare, quello dove Marras nasce e si muove. Il mondo di un’isola che ha una forte identità, una cultura, una lingua, una storia, addirittura una preistoria”.

Sabato 25 novembre, durante la giornata inaugurale dell’esposizione, le Ex Cantine Folonari di Brescia faranno da cornice alla performance di Antonio Marras Mio cuore io sto soffrendo, cosa posso fare per te?, una narrazione in dieci scene costruita attorno al tema dell’amore. A riprova del poliedrico talento dell’artista.

[Immagine in apertura: Antonio Marras, Sott’acqua, 2017. Photo by Daniela Zedda B.]