Debutto “a regola d’arte” per il Lohengrin al Wagner Festival

24 luglio 2018

Wagner Festspielhaus, Bayreuth, Bavaria, ca. 1895

La città di Bayreuth, anche quest’anno, si appresta a celebrare il compositore al quale diede i natali nel 1813 con il festival da lui stesso ideato nel 1876, allo scopo di “ridurre le distanze” tra la sua produzione artistica e il grande pubblico.
L’edizione 2018, in programma dal 25 luglio al 29 agosto, sarà inaugurata dall’opera romantica Lohengrin, che Richard Wagner scrisse e compose a partire dal 1845. A firmarne la regia è Yuval Sharon, coadiuvato nell’ambito scenografico e nei costumi dalla coppia di artisti formata dai coniugi Neo Rauch – esponente di spicco della New Leipzig School of Painting – e Rosa Loy, anche lei celebre pittrice.

Per l’appuntamento culturale di punta della città tedesca, i due autori hanno messo a punto “fondali delicatamente in movimento, dipinti di blu scuro“, ha anticipato il New York Times, paragonandoli a pagine di “un sontuoso libro illustrato“. A ispirarli è stata soprattutto la musica wagneriana, ma il loro lavoro è frutto di un percorso di collaborazione creativa con Sharon, primo regista americano a lavorare a Bayreuth.

Anche nel recente passato, artisti contemporanei di rilievo sono stati coinvolti in produzione teatrali altrettanto importanti. Tra i casi eccellenti, vale la pena ricordare Shirin Neshat e William Kentridge, ciascuno dei quali incaricato delle direzione di due distinte opere liriche in occasione del Festival di Salisburgo.

[Immagine in apertura: Wagner Festspielhaus, Bayreuth, Bavaria, ca. 1895, fonte Wikipedia]