Il Realismo Magico: l’arte in Germania alla vigilia del nazismo

29 luglio 2018

Albert Birkle The Acrobat Schulz V 1921 The George Economou Collection © DACS 2018

Dal prossimo 30 luglio, e per un intero anno, la Tate Modern di Londra ospiterà una grande mostra a ingresso gratuito, dedicata a quel periodo storico – e alla relativa espressione artistica – definito “della Repubblica di Weimar”. Un decennio tanto complesso quanto paradossale, per la Germania, che dal 1919 al 1933 – anno del tragico avvento del nazismo al potere – conobbe sia una politica liberale e antimilitarista, che andava però di pari passo con una crescente incertezza economica e sociale.

Opere appartenenti alla collezione della Tate e altri capolavori – alcuni dei quali mai esposti in Gran Bretagna – in prestito dalla George Economou Collection permetteranno di restituire agli occhi del visitatore il particolare contesto storico che portò una netta transizione nell’arte, dall’espressionismo tedesco a una rappresentazione fredda, inquieta e inquietante.
Se al definizione di Realismo Magico si associa ormai alla letteratura dell’America Latina, in realtà fu coniata proprio per le arti visive tedesche, a opera del critico Franz Roh nel 1925 che ravvisò un “nuovo realismo” nelle rappresentazioni della società: intelligente e quindi capace di cogliere ogni aspetto del tormentato paesaggio urbano, ma allo stesso tempo carico di emozioni e tensioni sotterranee, indicibili.

La Germania era allora reduce dal primo conflitto mondiale, che aveva comportato la caduta dell’Impero: nel contesto del collasso economico e anche di qualunque ordinamento sociale conosciuto fino ad allora, Berlino si guadagnò la reputazione di capitale della decadenza in cui stava scivolando la Germania.
Proprio il dinamismo della città, senza freni e tabù sociali, è un tema a lungo esplorato da grandi Maestri del periodo quali Otto Dix, George Grosz e Max Beckmann. Nell’esposizione londinese saranno in buona compagnia, affiancati da autori purtroppo trascurati dalla critica successiva, come Albert Birkle, Jeanne Mammen e Rudolf Schlichter, la cui fama soccombette principalmente a causa della conquista del potere da parte del nazismo, che bollò un periodo così ricco e variegato come semplicemente “depravato”.

[Immagine in apertura: Albert Birkle, The Acrobat Schulz V, dettaglio, 1921, The George Economou Collection © DACS 2018]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close