L’arte di Waone, dalle strade dell’Ucraina alla mostra romana in galleria

29 novembre 2018

Vladimir Manzhos, Spiral of Life, 2017, ink on paper, 26,4x36,5 cm

È nella cornice della Galleria Varsi, tra le più importanti realtà attive nella Capitale sul fronte della street culture, che l’artista ucraino Waone espone una collezione di sue opere, alcune delle quali fin qui inedite.
In occasione della personale This art is too smart, visitabile fino al 12 gennaio, l’autore con all’attivo una collaborazione con il muralista Aec – con lui ha formato il duo Interesni Kazki, attivo dal 2005 al 2016 – presenta una selezione di lavori relativi agli ultimi anni. In mostra anche nuove opere, realizzate con acrilico, inchiostro e gouache su tela, e disegni su carta.

Vladimir Manzhos 'Waone', Transformation

Passato dallo spray all’acrilico e infine ai pennelli, spinto dal desiderio di tenersi a distanza dalle scelte facili e animato piuttosto dalla volontà di sperimentare, Waone si è progressivamente indirizzato verso un proprio codice stilistico, popolato di creature mitologiche colme di simbologie esoteriche, che invita alla ricerca di verità nascoste. “Ho creato un universo surreale e multi-simbolico ispirato a scienza, Natura, magia e pratiche spirituali“, ha affermato in merito al suo stile, che in questi ultimi anni gli ha permesso di oltrepassare i confini del Paese di nascita, grazie a progetti espositivi in Europa e negli Stati Uniti.
Nella mostra romana è inclusa Jump through time, per la quale l’artista ha fatto ricorso alla realtà aumentata: tramite un’apposita app, lo spettatore può così visualizzare un’animazione e cogliere una narrazione in tre dimensioni legata al tema dell’opera. “Ho sempre cercato le composizioni più complesse con un livello frattale di dettagli, ispirandomi agli antichi Maestri. Il passaggio dal semplice al complesso è sempre stato l’obiettivo della mia arte e del mio stile di vita. Mi sono sentito dire, da chi rifiutava una mia collaborazione, che la mia arte era troppo elegante. Da allora il mio sogno è diventato di rendere l’arte raffinata accettabile a tutti!”, ha dichiarato ancora l’artista in merito ai suoi lavori e alle sue scelte.

[Immagine in apertura: Vladimir Manzhos ‘Waone’, Spiral of Life, 2017. Immagine nell’articolo: Vladimir Manzhos ‘Waone’, Transformation]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close