Le “visioni ibride” di Sandy Skoglund, tra installazione e fotografia

27 gennaio 2019

C'è tempo fino al 23 marzo per visitare "Sandy Skoglund. Visioni Ibride", la prima antologica dell’artista americana classe 1946. Gli spazi di CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia di Torino accolgono circa tranta opere dell'artista, quasi tutte di grande formato, che consentiranno di ripercorrere la sua carriera dagli esordi negli anni Settanta a "Winter", l’opera ancora inedita alla quale ha lavorato nell'ultimo decennio. Curata da Germano Celant, la rassegna include anche le composizioni visionarie di "Fox Games" (1989) e di "The Green House" (1990), oltre ai 20 scatti della serie "True Fiction Two", realizzata tra il 1986 e il 2005.