Messico: la macabra scoperta archeologica legata al dio Xipe Tótec

7 gennaio 2019

archeologia sculture tempio Messico dio Xipe Tótec

Secondo gli archeologi, “nell’Olimpo preispanico” il dio Xipe Tótec rivestita un ruolo tutt’altro che secondario. A questa divinità, infatti, i fedeli si rivolgevano per questioni legate alla fertilità, per ottenere un raccolto abbondante e, forse, persino per dissipare i venti di guerra.
La “rigenerazione”, all’interno della famiglia, dei campi, dell’intera comunità, dipendeva dunque dall’influenza e dal contributo di Xipe Tótec, al quale i sacerdoti erano soliti offrire sacrifici particolarmente cruenti.

Proprio per queste ragioni, la scoperta del primo sito conosciuto dedicato a Xipe Tótec ha acquisito un particolare rilievo: come indicato dal sito dello Smithsonian Mag, si tratta di un antico tempio, utilizzato tra il 1000 e il 1260 d.C., localizzato all’interno del sito di Ndachjian-Tehuacán.
Probabilmente venne costruito dai Popoloca, un popolo destinato a essere conquistato in una fase successiva dagli Aztechi; la venerazione verso Xipe, tuttavia, si ritiene fosse estesa a tutti i territori della Mesoamerica.

A consentire agli archeologi di identificare con chiarezza la divinità associata alla struttura è stato il rinvenimento di due sculture raffiguranti crani “scorticati” in pietra e di un’altra che rappresenta lo stesso dio, noto anche con l’appellativo di “Signore scorticato”.
Tale denominazione è legata ai sanguinosi sacrifici rituali compiuti dai sacerdoti che, a quanto sembrerebbe, scuoiavano prigionieri o schiavi per poi indossarne le pelli durante le cerimonie religiose: un tributo per il dio del rinnovamento e della rinascita.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close