Le demo inedite di David Bowie verranno pubblicate su vinile

6 maggio 2019

David-Bowie-Earls-Court-1970s

Nel tentativo di assicurarsi un contratto discografico con la Mercury Records – una delle maggiori case discografiche del Novecento, fondata nel 1945 a Chicago – nel 1969 David Bowie registrò una demo insieme al chitarrista John Hutchison, nel suo appartamento.
Ora questo nastro inedito sarà pubblicato il 28 giugno, proprio con il titolo di The Mercury Demos, in occasione dei 50 anni dall’uscita di un disco fondamentale per il Duca Bianco: Space Oddity.

La sessione era una registrazione di base nel repertorio dell’allora duo ‘Bowie & Hutch’ ed era stata commissionata da Calvin Mark Lee, un uomo della Mercury Records A & R, che voleva mandassero le tracce al suo capo Bob Reno“, racconta il sito ufficiale di Bowie. “Le demo sono state fondamentali per garantire a David il suo accordo con la Mercury Records“.
L’album in vinile sarà composto da dieci canzoni, di cui nove inedite, tra cui le prime versioni di brani che finiranno nel secondo disco di Bowie, Space Oddity del 1969, come Janine, An Occasional Dream, Letter to Hermione e la stessa Space Oddity: la sua incisione è l’unica traccia già pubblicata, perché presente nel cofanetto Sound & Vision.