Leonardo “tridimensionale”, alla Fabbrica del Vapore di Milano

30 maggio 2019

Leonardo da Vinci 3D

Nell’anno in cui tutto il mondo celebra Leonardo da Vinci, ricordandone la poliedrica carriera e l’incessante attività di ricerca e sperimentazione, Milano ospita alcuni dei più importanti appuntamenti promossi a livello italiano. A pochi giorni dalla riapertura della Sala delle Asse del Castello Sforzesco, l’attenzione si concentra ora sulla Fabbrica del Vapore, sede dal 30 maggio dello speciale evento espositivo Leonardo da Vinci 3D. Dalla combinazione tra tecnologia e innovazione ha preso forma una mostra-evento interattiva, immersiva e adatta a un pubblico di tutte le età. La narrazione proposta ripercorre la vicenda artistica e umana del Maestro del Rinascimento, proponendola in una forma densa di stimoli. Realtà aumentata, ologrammi e percorsi immersivi si affiancano lungo questo percorso multisensoriale, che occupa i 1500 metri quadri espositivi della Fabbrica del Vapore.

Prodotta da MEDARTEC e Comune di Milano, con la produzione artistica del pluripremiato studio fiorentino ART MEDIA STUDIO, la mostra è associata all’omonima app, attraverso la quale è possibile interagire con le opere: inquadrando le creazioni leonardesche o il logo della mostra si accede a contenuti aggiuntivi sull’universo di Leonardo.
Tra tangibile e intangibile, tra linguaggi tradizionali e contemporanei, il percorso offre una visione a 360 gradi dell’opera dell’artista e scienziato. Tra le altre esperienze, sono incluse la sala macchine, la mirror room dedicata al volo, uno spazio immersivo riservato alla rappresentazione a grandezza naturale dell’Ultima Cena e la cosiddetta “mostra impossibile”. Si tratta di una galleria digitale che riunisce – per la prima volta in un unico spazio – i più celebri dipinti leonardeschi riprodotti a grandezza naturale; come noto, si tratta di capolavori che appartengono alle collezioni permanenti di diversi musei internazionali, considerati “inamovibili”. Esposte anche una macchina storica originale dei Fratelli Alinari e alcune copie autentiche del Codice Da Vinci; nel corner Virtual Reality, infine, le postazioni Oculus conducono nell’affascinante mondo vinciano con modalità inconsuete.