Riapre al pubblico la prima architettura Bauhaus del mondo

18 maggio 2019

Haus_Am_Horn primo edificio Bauhaus

Non è una data casuale, quella scelta da Klassik Stiftung Weimar per la riapertura al pubblico della Haus Am Horn, nota come il “primo esempio al mondo di architettura Bauhaus“. Oggetto di uno scrupoloso intervento di restauro, che ha riguardato anche gli spazi esterni, il celebre prototipo abitativo è tornato di nuovo accessibile nel giorno del 136esimo anniversario della nascita di Walter Gropius, oltre che nell’anno in cui decine di iniziative celebrano i 100 anni della fondazione del Bauhaus.

Interessante e meritevole di essere conosciuta è la storia di questa “casa modello”, divenuta nel 1996 parte del “circuito” Bauhaus and its Sites in Weimar, Dessau and Bernau, incluso nella lista UNESCO dei Patrimoni dell’Umanità.
L’edificio venne presentato per la prima volta nel 1923, in occasione dell’esposizione Bauhaus di quell’anno. Incarnazione dell’idea di un’opera d’arte concepita attraverso la fattiva interazione tra architettura e design, la Haus Am Horn fu progettata da un docente della scuola, Georg Muche, che ne definì l’impianto planimetrico. La costruzione fu supervisionata da Adolf Meyer, Walter March e dallo studio di architettura dello stesso Gropius.
Nei laboratori di progettazione del Bauhaus vennero sviluppati tutti gli arredi previsti per gli spazi interni, la cui realizzazione diede così – per la prima volta – una concreta traduzione della visione della vita contemporanea secondo i principi della scuola. Al termine dell’esposizione, i mobili furono spediti a Berlino al finanziere Adolf Sommerfeld, che ne divenne così il proprietario.

Alla carenza delle soluzioni d’arredo dell’epoca, la Klassik Stiftung Weimar ha risposto in vari modi: nella mostra permanente che attende i visitatori della Haus Am Horn sono incluse fedeli repliche dei mobili originali – in parte esposti nel Bauhaus Museum di Weimar, aperto il mese scorso – o “ingegnose alternative”.
È il caso del cosiddetto “Umrissmöbel”, uno speciale allestimento che ha previsto la riproduzione dei soli contorni dei pezzi di arredamento non più disponibili. Accompagnati da supporti didattici e multimediali, questi “outline furniture” consentono di visualizzare l’ingombro e di farsi un’idea della silhouette dei mobili di un tempo.

La grande attenzione ai dettagli che ha guidato la mano degli specialisti nella ristrutturazione dell’edificio è stata estesa anche agli spazi verdi di pertinenza del prototipo abitativo. I paesaggisti hanno infatti ricreato l’antico orto – una presenza essenziale, per il Bauhaus, in un’ottica di autoproduzione di cibo nutriente – e piantato alcune verdure.


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close