Chris Buck dà lezione ai talenti di Master of Photography

24 giugno 2019

Paul Cooper Isn't Bill Gates © Chris Buck

Mentre la gara tra i concorrenti di Master of Photography ‒ lo show europeo dedicato al mondo della fotografia che vede confrontarsi i migliori talenti da tutta Europa ‒ sta entrando nel vivo, anche il parterre di ospiti internazionali si sta infoltendo: nell’episodio in onda su Sky Arte martedì 25 giugno i riflettori si accenderanno su un altro professionista dell’obiettivo, Chris Buck.

Originario di Toronto, classe 1964, Buck fu introdotto nell’universo dello scatto dal padre, impiegato presso la Kodak. Trasferitosi a New York nel 1990, Buck si ritagliò un ruolo di primo piano nel campo della fotografia pubblicitaria, lavorando per clienti del calibro di GQ e The Guardian.

Specializzato nella ritrattistica, Buck punta l’obiettivo su celebrità e persone comuni, adottando uno stile che mescola ironia, provocazione ed elementi surreali. Ne derivano scatti fortemente iconici, caratterizzati da un’attenta scelta dei colori, delle pose e delle linee, senza tuttavia trasmettere alcuna forzatura nell’immagine risultante.

Sono numerosi i premi vinti da Buck – tra i quali l’Arnold Newman Portrait Prize nel 2007 – così come molteplici sono le serie fotografiche che portano la sua firma – Presence, un corpus di ritratti di celebrities “invisibili”, o Chris Buck’s Chris Bucks – scatti che ritraggono individui con il suo stesso nome ‒ e Gentlemen’s Club, ritratti di fidanzati e mariti di ballerine esotiche.

Commentate sui social network la speciale serata attraverso l’hashtag #MasterOfPhotography.

[Immagine in apertura: Paul Cooper Isn’t Bill Gates © Chris Buck]