Genova celebra il talento poliedrico di Emanuele Luzzati

5 giugno 2019

Emanuele Luzzati, Illustrazione per il Corriere della Sera, 2004, via Palazzo Ducale - https://www.palazzoducale.genova.it

Con Labirinto Luzzati, Genova ricorda uno degli artisti più geniali nati in città: scomparso nel 2007, Emanuele Luzzati appartiene alla categoria delle figure difficili da “limitare” nei confini di un unico ambito artistico. Scenografo, cartellonista, illustratore, pittore, ceramista, autore di pluri-premiati e raffinati cartoni animati, Luzzati è stato il creatore di mondi sublimi e fantastici, espressione di uno stile dall’immediata comprensibilità e, nello stesso tempo, fortemente espressivo.
Il Sottoporticato di Palazzo Ducale accoglie, fino al 3 novembre prossimo, un progetto espositivo che ripercorre la vicenda biografica e professionale di questo autore, lasciando emergere l’ingegno e la joie de vivre che hanno accompagnato il suo percorso di uomo e di artista.

Lasciata l’Italia a causa dell’emanazione delle Leggi Razziali, a Losanna – dove trovò riparo – Luzzati riuscì ad acquisire consapevolezza delle correnti artistiche del primo Novecento. Formatosi presso l’Ecole des Beaux-Arts de Lausanne, ebbe l’opportunità di studiare l’opera di Picasso, Paul Klee e il Teatro Russo, iniziando a sviluppare la passione per il settore teatrale. Proprio come scenografo, grazie ai progetti messi a punto per La Fenice di Venezia, La Scala di Milano e il Teatro Stabile di Genova, si afferma negli anni Cinquanta: nel corso della sua carriera ha realizzato fino a 400 scenografie per spettacoli teatrali, per il balletto e la lirica, dimostrando una spiccata capacità di muoversi tra tecniche diverse, come collage, disegno, pastello, china, matita e pennarello.
Nella sua città natale, con Tonino Conte e Aldo Trionfo, fondò il Teatro della Tosse, restandone direttore artistico per oltre 30 anni.

La varietà dei suoi progetti e l’assenza di confini della sua creatività vengono ampiamente testimoniate dalla mostra, che concede spazio anche ai suoi lavori negli ambiti dell’illustrazione, dell’arredo urbano, del cinema di animazione: ben due le nomination agli Oscar in carriera, per La gazza ladra nel 1965 e per Pulcinella nel 1973.

[Immagine in apertura: Emanuele Luzzati, Illustrazione per il Corriere della Sera, 2004, via Palazzo Ducale – www.palazzoducale.genova.it]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close