I tesori della Villa dei Papiri, da Ercolano a Malibu

29 giugno 2019

Drunken Satyr Roman, first century BC–first century AD Bronze, copper, tin, and bone, H: 137 cm, L: 179 cm Found at the west end of the rectangular peristyle, B on Weber’s plan, July 10, 1754 Museo Archeologico Nazionale, Naples, 5628 VEX.2019.1.6 Reproduced by agreement with the Ministry of Cultural Assets and Activities and Tourism. National Archaeological Museum of Naples - Restoration Office

Getta un ponte fra Italia e Stati Uniti la mostra allestita fino al 28 ottobre alla Getty Villa di Malibu: Buried by Vesuvius: Treasures from the Villa dei Papiri accende i riflettori sui manufatti rinvenuti nella splendida Villa dei Papiri, a Ercolano, sepolta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C., e oggetto di una serie di scavi archeologici avviati nel Settecento e poi proseguiti fino al Ventunesimo secolo.

Gli scavi, tuttora in corso, hanno restituito una miriade di manufatti rimasti intrappolati sotto cenere e lapilli; rinvenuti anche i papiri, fortemente danneggiati, che sono al vaglio degli esperti e che appartenevano al proprietario della Villa ‒ la cui identità sembra coincidere con quella del patrigno di Giulio Cesare ‒ insieme a una eccezionale raccolta di bronzi antichi.

Tra questi c’è anche il cosiddetto Satiro ubriaco, al centro di una importante collaborazione fra il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, dove è solitamente esposto, e la sede americana, che da decenni coopera con le istituzioni nostrane per conservare e salvaguardare il patrimonio culturale italiano.

È emblematico che la mostra, frutto del dialogo con il MANN di Napoli, il Parco Archeologico di Ercolano e la Biblioteca Nazionale di Napoli “Vittorio Emanuele III”, sia ospite della Getty Villa, costruita negli anni Settanta proprio sul modello della Villa dei Papiri, a partire dalla planimetria messa a punto da Karl Weber, che diresse gli scavi settecenteschi con il supporto del sovrano Carlo VII.

[Immagine in apertura: Satiro ubriaco, I secolo a.C./I secolo d.C., bronzo, Museo Archeologico Nazionale, Napoli. Reproduced by agreement with the Ministry of Cultural Assets and Activities and Tourism. National Archaeological Museum of
Naples – Restoration Office]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close