Il Viagem sem Programa di Álvaro Siza raggiunge Siena

9 giugno 2019

Alvaro_Siza_Portraits_Ph.Raul_Betti

Prosegue l’itinerario della mostra Álvaro Siza, Viagem sem Programa, che dopo il debutto come evento collaterale della 13. Mostra Internazionale di Architettura, a Venezia, sarà esposta per tutta l’estata a Siena, nei Magazzini della Corticella del Museo Santa Maria della Scala, in Piazza Duomo. La tappa nella città d’arte toscana arriva dopo le precedenti aperture a Lisbona nel 2018; a Reggio Emilia, nel 2017; a Dubrovnik e Zagabria, nel 2013.

Curata da Raul Betti e Greta Ruffino e visitabile fino all’8 settembre prossimo, Álvaro Siza, Viagem sem Programa racconta il celebre architetto portoghese a partire da un selezionatissimo nucleo di ritratti e disegni di viaggio realizzati in oltre 60 anni di attività. A scegliere i materiali esposti è stato lo stesso progettista, che più volte ha incontrato i due curatori aprendo loro le porte del suo studio di Porto.
Arricchita da contenuti inediti e da un’ampia selezione di fotografie, la mostra apre un varco nella personalità di Siza, lasciando emergere le sue memorie, gli incontri chiave della sua esistenza, i ricordi dei suoi viaggi: il risultato è un ritratto intenso, non solo dell’architetto, ma soprattutto dell’uomo.
Due, infine, le video-installazioni incluse nel percorso espositivo – accessibile gratuitamente per gli architetti: oltre all’intervista realizzata dai curatori nello studio di Siza, presentata nel 2017 al Milano Design Film Festival, c’è anche la video-installazione di Atelier XYZ, che conduce virtualmente lo spettatore sulle rive dell’Oceano Atlantico, portandolo alla scoperta del celeberrimo ristorante Boa Nova Casa da Cha, tra i primi progetti nella carriera dell’architetto.

[Immagine in apertura: Ritratto di Álvaro Siza, photo by Raul Betti]