Martin Schoeller, la nuova superstar di Master of Photography

3 giugno 2019

#1 Usain Bolt at The Metr opolitan Museum of Art. New York – 2009 © Martin Schoeller

Sono molti i fotografi che, da decenni, si occupano di ritrarre il volto umano, cogliendone le sfumature, ma in pochi riescono a ottenere effetti di grande impatto e profondità visiva. Uno di questi è Martin Schoeller, ospite del nuovo episodio di Master of Photography, in onda su Sky Arte oggi, lunedì 3 giugno, e incentrato sul tema della celebrità.

I volti noti sono tra i protagonisti degli scatti di Schoeller, classe 1968, originario di Monaco, impegnato in una restituzione fisiognomica che supera i limiti della fama o dell’essere una persona “comune”, puntando invece su una prospettiva ravvicinata, che allinea i soggetti sul terreno dell’umanità condivisa.

Influenzato dalla poetica di August Sander e da quella di Bernd e Hilla Becher, il fotografo tedesco ha immortalato individui provenienti da svariate classi sociali e contesti geografici – star del cinema, leader mondiali, senzatetto, atleti e artisti – dando vita a una democratica galleria di ritratti.

Dopo gli studi condotti al Lette Verein di Berlino, Schoeller si trasferì negli Stati Uniti, intraprendendo la sua carriera a metà degli anni Novanta grazie agli scatti realizzati per le strade della Grande Mela. A partire dal 1998 le sue fotografie sono comparse fra le pagine di riviste e quotidiani prestigiosi quali National Geographic, The New Yorker, Vanity Fair, TIME, The New York Times Magazine, Rolling Stone e GQ, Tante le mostre a lui intitolate da musei internazionali; altrettanto numerosi gli scatti inclusi nelle collezioni permanenti di musei del calibro della National Portrait Gallery e della Smithsonian Institution.

Commentate sui social network la speciale serata attraverso l’hashtag #MasterOfPhotography.

[Immagine in apertura: Usain Bolt at The Metr opolitan Museum of Art. New York – 2009 © Martin Schoeller]