Torino rende omaggio a Michelangelo Antonioni

8 giugno 2019

Michelangelo Antonioni

Affiancata dagli spettacoli teatrali Quasi niente e Scavi, liberamente ispirati al film Deserto rosso di Michelangelo Antonioni, la rassegna dedicata al cineasta scomparso nel 2007 riaccende i riflettori sulla sua parabola creativa. Organizzata in collaborazione con il Festival delle Colline Torinesi, l’iniziativa Cronaca di una crisi. Antonioni a colori è in programma, dal 9 al 17 giugno, al Cinema Massimo di Torino. Per l’occasione la Sala Soldati proporrà – secondo uno specifico calendario – sette opere del pluripremiato regista e sceneggiatore.

Tra queste rientra la già citata Deserto rosso: girata tra Italia e Francia nel 1964, è prima la pellicola a colori realizzata dal regista. Racconta la vicenda di una donna che non riesce più a ritrovare se stessa, in seguito al trauma conseguente un grave incidente d’auto. Nel film, Antonioni esprime il suo interesse profondo verso i personaggi e le situazioni, un aspetto che ha guidato anche Daria Deflorian e Antonio Tagliarini, che cureranno l’introduzione a questa proiezione, nella loro recente “prova teatrale”.
La rassegna include Blow-Up, del 1966, Zabriskie Point, del 1970, Professione: reporter, del 1975, Il mistero di Oberwald, del 1980, Identificazione di una donna, del 1982, e Al di là delle nuvole, del 1995, in cui oltre al cameo che mostra Jeanne Moreau e Marcello Mastroianni, Antonioni ebbe Wim Wenders al proprio fianco in qualità di co-direttore.