L’arte contemporanea di Nanda Vigo per l’estate di Milano

20 luglio 2019

2. 2013_Nanda Vigo "Lights Forever", Deep Space (cm 210 x 103,5 x 33, 5), installstion view, Galleria Allegra Ravizza, Lugano, foto Emilio Tremolada

Dal prossimo martedì, 23 luglio, a Milano Palazzo Reale si illuminerà – letteralmente! – grazie alle opere di Nanda Vigo. Curata da Marco Meneguzzo, la mostra che l’istituzione milanese dedica all’arte contemporanea nel periodo estivo si intitola non a caso Light Project: è sulla luce, la trasparenza, l’immaterialità che l’artista (classe 1936, nata proprio a Milano) ha costruito sin dagli anni Sessanta la sua poetica.

Circa 80 opere, tra progetti, sculture e installazioni, ripercorrono appunto la carriera di Nanda Vigo, in quella che è a tutti gli effetti la prima esposizione antologica che un’istituzione italiana dedica all’autrice e architetta milanese.
Il successo di Vigo ha inizio con i Cronotipi del 1962: uno chassis metallico incastona vetri industriali e – talvolta – apparati di illuminazione al neon; passando attraverso il vetro, la luce si manifesta allo spettatore, costituendo il soggetto stesso dell’opera; manifestazione concreta – se così si può dire della luce – di leggerezza, immaterialità anche spirituale.

A questo primo ciclo di interventi artistici, Nanda Vigo fa presto seguire la progettazione – a volte con Lucio Fontana – di ambienti a tutti gli effetti, oltre alla produzione di specchi che riflettono una realtà sorprendente, grazie a un sapiente gioco di inclinazioni e tagli.
Parallelamente, l’artista è impegnata anche sul fronte dell’architettura e del design, come nel caso della sua collaborazione con Gio Ponti per la Casa sotto la foglia a Malo, nel 1965.

Proprio un’opera-ambiente è il punto focale dell’intero percorso espositivo. Un’intera stanza di superfici specchianti che offre al visitatore un’esperienza oltre la sua normale percezione: superando la materialità della vita quotidiana, il pubblico ha modo di sentire con tutti i senti una realtà “altra”, una comunione con il “tutto” derivante dalla contemplazione.

[Immagine in apertura: Nanda Vigo, Lights Forever, Deep Space, 2013, installation view, Galleria Allegra Ravizza, Lugano, foto Emilio Tremolada]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close