Weekend di reunion sul palco, per alcuni grandi nomi della musica rock

15 luglio 2019

Paul McCartney live al PETCO Park in California, nel settembre del 2014. Foto: Kevin Winter/Getty Images

Tempo di reunion per i mostri sacri del rock. Lo scorso weekend, in Irlanda Bob Dylan e Neil Young sono tornati insieme sul palco dopo 25 anni, mentre a Los Angeles Paul McCartney e Ringo Starr si sono ritrovati a suonare due classici dei Beatles.

Abbiamo una sorpresa per noi, una sorpresa per voi, una sorpresa per tutti quanti: signore e signori, l’unico e il solo Ringo Starr”, ha annunciato McCartney presentando il batterista, suo ex compagno di band, durante il concerto al Dodger Stadium di Los Angeles nella notte di sabato. Hanno quindi entrambi intonato l’iconica Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band, seguita da Helter Skelter, uno dei brani più celebri del White Album dei Beatles.

La domenica seguente Bob Dylan e Neil Young hanno invece chiuso il loro show da co-headliner a Kilkenny, in Irlanda, cantando insieme Will the Circle Be Unbroken: è stato il primo duetto insieme dai tempi del concerto al Roseland Ballroom di New York, nel 1994. Il pezzo è un brano tradizionale di inizio ‘900, entrato a far parte del repertorio live di Dylan già nel 1961. Tuttavia, è dal 1976 che il brano non torna nella scaletta dei suoi concerti. Young, nel frattempo, ha suonato la canzone con Willie Nelson quattro volte tra il 1995 e il 2018, ma la prima volta l’ha cantata con Bob Dylan nel 1975.

[Immagine in apertura: Paul McCartney live, nel settembre del 2014. Foto: Kevin Winter/Getty Images]