Il Muro di Berlino in realtà aumentata

29 agosto 2019


Berlino si prepara a celebrare i trent’anni dalla caduta del Muro, con una settimana di eventi che avranno luogo in parti diverse della città, trasformando la capitale tedesca in una vera e propria mostra a cielo aperto.

Dal 4 al 10 novembre, infatti, centinaia di esposizioni, concerti e conferenze pubbliche prenderanno piede in città, grazie al coinvolgimento di artisti, architetti, designer e istituzioni locali. I luoghi che interesseranno le manifestazioni saranno diversi: da Alexanderplatz alla Brandenburger Tor, con concerti non stop che saranno organizzati sia davanti all’East Side Gallery che al Mauerpark. Una grande festa collettiva, dunque, a cui tutti avranno accesso gratuitamente con l’obiettivo di celebrare uno degli eventi più rappresentativi della storia del Novecento.

A rendere questa enorme iniziativa ancora più coinvolgente, sarà la collaborazione tra Kulturprojekte Berlin ‒ l’ente organizzatore dell’evento ‒ e BetaRoom, lo studio informatico creatore di una sorprendente applicazione: si tratta di MauAR (nell’immagine in apertura, © BetaRoom, photo Stefan Vincent), la nuova tecnologia di realtà aumentata che permette di “rivivere” attraverso lo smartphone il Muro di Berlino.

Basterà posizionarsi con il proprio tablet o telefonino davanti al percorso una volta occupato dal Muro, per vedere apparire sullo schermo una versione 3D realistica della cortina. L’esperimento sarà possibile lungo tutti i 160 km che dividevano la città, con la possibilità di “spostarsi” in tre periodi storici differenti (1961, 1971 e 1981), per comprendere meglio la funzione del Muro nel corso dei suoi 28 anni di tragica presenza. Diverse funzioni renderanno l’app ancora più interattiva, permettendo di “prender parte” agli eventi clou di quello storico momento ‒ comprese le celebri manifestazioni del 4 novembre 1989. Un’esperienza da brividi, che permetterà di tornare indietro di tre decenni con un click.