Bruce Springsteen torna con un nuovo album

13 agosto 2019


Bruce Springsteen torna con un nuovo album. E lo fa a modo suo, sorprendendo tutti. L’uscita del disco, infatti, non era stata annunciata in alcun modo, tanto da lasciare di stucco anche i seguaci più accaniti. Si tratta di un live inedito registrato il 13 ottobre 1986, durante la prima edizione del Bridge Benefit, l’evento di beneficenza annuale per la Bridge School, promosso a sostegno dei bambini con gravi disabilità fisiche.

Bridge School – October 13, 1986, questo il titolo del disco, include dieci pezzi suonati in acustico allo Shoreline Amphiteather di Mountain View, California. All’evento, organizzato da Neil e Pegi Young, parteciparono altri musicisti, che in alcune delle canzoni dell’album accompagnano il Boss. Oltre alle rivisitazioni dei classici, il set comprende diverse “chicche”: su tutte le allora inedite Fire e Seeds ‒ che verranno pubblicate solo qualche mese dopo, in Live 1975-1985 ‒ ; e poi You Can Look (But You Better Not Touch) eseguita a cappella, una toccante Born In The USA, la cover di Follow That Dream di Elvis Presley e, per concludere, una rivisitazione di Hungry Heart, nella quale Springsteen è accompagnato ai cori da David Crosby, Stephen Stills, Graham Nash e Neil Young.

Disponibile sia in formato fisico che in digitale, il disco è dedicato a Eliott Roberts, il manager di Young recentemente scomparso. Una parte delle vendite, inoltre, verrà devoluta alla Bridge School.