L’installazione di Yayoi Kusama nella foresta norvegese

30 agosto 2019


Immaginate di trovarvi in una foresta norvegese, camminare tra querce e betulle millenarie e poi, all’improvviso, vedervi apparire di fronte un enorme edificio circondato da decine di sculture stravaganti e colorate. È un po’ questo l’effetto che fa il Kistefos Museum, l’istituzione culturale nel bel mezzo di una densa area boschiva, a 80 chilometri da Oslo.

Nato nel 1996 sulla base di un vecchio edificio industriale, il museo è considerato il parco di sculture più grande del nord Europa, con opere di Olafur Eliasson, Tony Cragg, Claes Oldenburg e Anish Kapoor ‒ solo per citarne alcune. Ad aggiungersi alla lista degli “ospiti” del parco è stata di recente anche Yayoi Kusama, l’artista giapponese famosa in tutto il mondo per i suoi pattern a pois.

Shine of Life, questo il titolo dell’opera, consiste in una grande struttura tentacolare che emerge dalle acque del fiume Randselva. Di colore rosso acceso e decorata con i classici puntini bianchi, segno distintivo della Kusama, la scultura ‒ la più grande che l’artista abbia creato nei Paesi scandinavi ‒ dialoga con il contesto boschivo circostante e arricchisce ulteriormente la collezione già prestigiosa del museo norvegese.

[Immagine in apertura: Yayoi Kusama, Shine of Life, 2019, Kistefos © YAYOI KUSAMA. Courtesy Ota Fine Arts, Tokyo/Singapore/Shanghai and Victoria Miro, London/Venice. © YAYOI KUSAMA. Photo Einar Aslaksen]