Occhi puntati sul cinema, ad Amantea

7 agosto 2019


Per il settimo anno torna La Guarimba, il festival calabrese dedicato ai cortometraggi, in corso ad Amantea fino all’11 agosto. Organizzato e diretto da Giulio Vita e Sara Fratini, il festival riconferma il suo “carattere sociale”, all’insegna dell’integrazione e dell’apertura. Tanti i temi “impegnati” presi in esame nelle varie serate, tra incontri, concerti, e, soprattutto, proiezioni.

Sono infatti 152 i corti in concorso, provenienti da 42 differenti nazioni. I film sono suddivisi nelle varie categorie della competizione ufficiale: Fiction, Documentario, Animazione, Videoclip Musicale, Film Sperimentali e La Grotta dei Piccoli. Quest’ultima sezione, realizzata in collaborazione con UNICEF Italia, include 80 cortometraggi destinati ai più piccoli.

La giuria quest’anno è tutta al femminile. A comporla sono Éva Katinka Bógnar, regista di animazione e docente alla Moholy-Nagy University of Art and Design di Budapest, Norma Guevara, responsabile della programmazione del Films de Femmes di Créteil e fondatrice del Women Film Festival Network, e Jeanette Bonds, direttrice del GLAS Animation Festival in California. A loro spetterà il compito di selezionare i cortometraggi migliori, che si aggiudicheranno i riconoscimenti in palio.