L’universo mistico di Sandra Vásquez de la Horra

11 agosto 2019


Dopo le mostre dedicate a Maria Lai e al duo Goldschmied & Chiari, prosegue l’attività espositiva del Museo Novecento di Firenze dedicata alle artiste donne. Curata da Rubina Romanelli all’interno dello spazio Room del museo, la mostra di Sandra Vásquez de la Horra propone un corpus di lavori recenti e inediti della 52enne artista cilena.

Aguas profundas, allestita fino al 17 ottobre (immagine in apertura: photo Leonardo Morfini), è un viaggio nell’universo mistico dell’autrice, tra disegni e sculture che riportano alla memoria miti e leggende della tradizione latinoamericana. In mostra opere appartenenti alla recente produzione di Vásquez de la Horra, ognuna delle quali legata alla lavorazione della cera.

Tanto i disegni quanto le sculture esposte, infatti, vengono presentati ricoperti da una superficie traslucida, ottenuta attraverso l’immersione dei manufatti nella cera. Un processo che ne “sigilla” il senso, elevando il contenuto verso una dimensione spirituale e poetica. A concludere il percorso espositivo anche alcune opere inedite, ispirate ai dipinti di Mario Sironi presenti nella collezione del museo.