Più reali del reale: le ceramiche di Bertozzi & Casoni a Catanzaro

21 settembre 2019


Sculture in ceramica che riproducono la realtà e spesso la superano sono il marchio di fabbrica del duo Bertozzi & Casoni da parecchi decenni. Ora la loro sapiente artigianalità, portata ai massimi livelli dell’arte, approda per la prima volta in Calabria. L’occasione è la personale Bertozzi & Casoni. Terra!, in programma fino al 20 novembre al MARCA ‒Museo delle Arti di Catanzaro.

A cura di Michele Bonuomo, il progetto espositivo presenta 30 opere di diversi formati, in cui i due artisti affrontano alcuni temi a loro cari. In prima battuta quello del cibo, ritratto in tutti i suoi aspetti quotidiani e trasformato nelle insolite nature morte realizzate in ceramica policroma che li hanno resi celebri.

In oltre trent’anni di lavoro e sperimentazioni a tutto campo, nel loro “opificio” imolese, hanno messo a punto una delle lezioni più originali e complesse della scultura contemporanea“, ha sottolineato Bonuomo nel saggio incluso nel catalogo. La sua riflessione si è estesa poi alla “maestria tecnica ed espressiva che, senza mai essere virtuosismo fine a se stesso, ha dello stupefacente: una magia esecutiva messa a disposizione della lingua della ceramica, troppo spesso e a torto considerata ancella di altre forme, chissà perché, definite più nobili“.

[Immagine in apertura: Bertozzi & Casoni, Composizione n. 14, 2009]