Chagall a Bologna, tra sogno e magia

20 settembre 2019


Dopo l’esperienza partenopea dei mesi scorsi, l’arte di Marc Chagall continuerà a emozionare il pubblico italiano anche nel periodo autunnale e invernale. Prende infatti il via questo fine settimana, nelle sale di Palazzo Albergati, a Bologna, un progetto espositivo che riunisce ben 160 opere del pittore russo.

Scomparso nel 1985, in Chagall. Sogno e magia l’artista viene raccontato a partire dalle molteplici sfaccettature della sua personalità e del suo stile. Il senso di stupore, la perenne sospensione tra la dimensione onirica e quella reale, la propensione verso la meraviglia rientrano tra le suggestioni che hanno plasmato i suoi lavori, originando un microcosmo visivo di immediata riconoscibilità.

Curata da Dolores Duràn Ucar, la mostra prende in esame alcuni degli aspetti salienti della sua vita: dal legame con la cultura ebraica all’amore per la moglie; dai contatti con la cultura russa e con quella occidentale alla passione per la letteratura, fino alla religione. A tali ambiti si legano le cinque sezioni in cui è articolato il percorso di visita: Infanzia e tradizione russa; Sogni e fiabe; Il mondo sacro, la Bibbia; Un pittore con le ali da poeta; L’amore sfida la forza di gravità.

Visitabile fino al primo marzo 2020, Chagall. Sogno e magia rappresenta un’opportunità imperdibile per ammirare dipinti, disegni, acquerelli e incisioni provenienti da collezioni private e, dunque, raramente presentati in occasioni analoghe.

[Immagine in apertura: Marc Chagall, Mazzo di fiori su sfondo rosso, 1970 ca. Private Collection, Swiss © Chagall ®, by SIAE 2019]