Uomini e ombre nei disegni di Andrea Martinelli

11 settembre 2019


Fil rouge di tutta l’arte fiorentina e dei grandi maestri toscani, il disegno si afferma prepotente anche nell’opera di Andrea Martinelli. L’autore pratese, nato nel 1965, è attualmente in mostra nelle sale di Palazzo Cucchiari – sede della Fondazione Giorgio Conti – a Carrara, con una mostra dal titolo Storie di uomini e ombre. Opere 1999-2019, curata da Massimo Bertozzi e Antonio Natali.

Visitabile fino al 24 novembre, l’esposizione getta uno sguardo sulla vasta produzione di disegni realizzati da Martinelli negli ultimi venti anni di carriera, ripercorrendo i temi cardine della sua riflessione artistica: le ombre, il volto e la figura umana.

Diviso in sei sezioni, il percorso espositivo raccoglie oltre settanta esemplari, molti dei quali su larga scala. Si tratta spesso di bozzetti preparatori alla fase pittorica, ma che pure si attestano come opere autonome, ribadendo l’abilità tecnica dell’artista, tra i nomi di riferimento dei disegno nazionale. Ad arricchire il progetto, anche le fotografie di Martina Jones Lombardi – scatti che ritraggono il pittore nei momenti di lavoro –, e il cortometraggio di Tommaso Santi Un racconto dal silenzio – testimonianza filmica sulla vita e sull’opera di Martinelli ‒ presentato al pubblico per la prima volta.

[Immagine in apertura: Andrea Martinelli, Trittico Testa Nuda, 2011]