L’arte femminista di Nur Koçak, a Istanbul

2 settembre 2019


Al via il 3 settembre la mostra che celebra una delle artiste turche più apprezzate della scena internazionale. Pioniera della pittura iperrealista, Nur Koçak sarà protagonista di una corposa retrospettiva negli spazi delle gallerie Salt Beyoğlu e Salt Galata, a Istanbul.

Our Blissful Souvenirs – questo il titolo del doppio progetto – è un omaggio alla poetica femminista dell’artista. Da sempre impegnata a investigare i rapporti tra mercato e corpo femminile, Nur Koçak è infatti nota per i suoi dipinti, rappresentazioni iperrealistiche che sottolineano in maniera critica l’oggettivazione del corpo femminile all’interno delle società del consumo.

In mostra dipinti, foto e disegni. Ad aprire il percorso espositivo ‒ allestito fino al 29 dicembre ‒ sono le serie Shop Windows (1989-2019) e Fetish Objects (1974-1988). In queste e in altre opere, a essere rappresentati sono soprattutto oggetti di cosmetica, prodotti femminili e vetrine di negozi d’abbigliamento, metafora di una società che riduce la donna a oggetto. Un percorso che attraversa oltre cinquant’anni di attività, definendo una delle ricerche più sperimentali e avanguardiste dell’arte turca.

[Immagine in apertura: Nur Koçak, una cartolina dalla serie Müdahale Edilmiş Kartpostallar [Manipulated Postcards], 1981. Courtesy l’artista]