L’epopea di Germanico, imperatore mancato. In versione interattiva

13 ottobre 2019


Non è una data qualsiasi quella scelta per l’apertura della mostra-installazione Germanico Cesare… a un passo dall’impero, allestita al Museo Archeologico e Pinacoteca di Amelia: è stata infatti inaugurata il 10 ottobre scorso, nel giorno esatto del bimillenario della morte del politico e militare romano, membro della dinastia giulio-claudia.

Visitabile fino al 31 gennaio 2020, il progetto curato da Marcello Barbanera propone una serie di installazioni digitali che delineano un ritratto affascinante della figura di Germanico, collocandola nell’ambito delle dinamiche della famiglia di origine. Scomparso all’età di 34 anni, nel momento culminante della sua carriera politica, a un passo, appunto, dalla nomina imperiale, Nerone Claudio Druso Germanico è passato alla storia per le sue capacità militari e diplomatiche.

Dopo la prematura scomparsa, cui seguì una fase di profondo cordoglio in tutto l’Impero, vennero realizzate numerose statue commemorative. Il museo umbro conserva, in forma permanente, una statua loricata in bronzo, rinvenuta ad Amelia (Terni) nel 1963: si tratta dell’unica di questa tipologia arrivata fino ai giorni nostri. In occasione di Germanico Cesare… a un passo dall’impero questa importante opera è accompagnata da una serie di approfondimenti pensati per un pubblico eterogeneo.

[Immagine in apertura: photo courtesy Sistema Museo]