Tra grafica e fotografia. Marcello Dudovich a Chiasso

1 ottobre 2019


Illustratore e pubblicitario triestino, Marcello Dudovich è considerato uno dei padri del cartellonismo italiano. Figura audace e affascinante del Novecento, l’artista è oggi al centro di una corposa retrospettiva al m.a.x. museo di Chiasso, che mira a evidenziare il rapporto fra la sua produzione grafica e la fotografia.

Ideata all’interno della Biennale dell’Immagine, giunta quest’anno alla sua undicesima edizione, la mostra Marcello Dudovich (1878-1962). Fotografia fra arte e passione porta in scena oltre trecento opere di varia natura, tra scatti d’epoca, manifesti originali, schizzi e bozzetti preparatori. Ad arricchire il percorso, inoltre, una raccolta di lettere inedite, cartoline e documenti d’archivio, selezionata dai due curatori del progetto, Roberto Curci e Nicoletta Ossanna Cavadini.

Provenienti da importanti collezioni pubbliche e private – come il Museo Nazionale Collezione Salce di Treviso, il Castello Sforzesco di Milano e il Civico Museo Revoltella – Galleria d’Arte moderna di Trieste –, le opere ripercorrono l’intero orizzonte creativo del maestro triestino, grazie a una scansione cronologica che tocca le fasi salienti della sua produzione.

Aprono il percorso le fasi giovanili di Dudovich, con i primi scatti fotografici – quasi sempre autoritratti – in cui l’artista si raffigura in pose sofisticate e dandy. Seguono i primi poster durante gli anni della Belle Époque e la sezione relativa agli anni tra le due guerre, con la definizione di uno stile illustrativo fortemente ispirato a temi e stilemi della fotografia. Ne sono un esempio i leitmotiv della donna appoggiata a un albero o con in mano un bicchiere, tratti frequenti nei cartelloni e nelle pubblicità di Dudovich.

Completa la mostra, visitabile fino al prossimo 16 febbraio, anche uno speciale focus dedicato al legame tra l’illustratore e il collega Leopoldo Metlicovitz, con oltre venti fotografie di quest’ultimo provenienti dal Civico Archivio Fotografico di Milano.

[Immagine in apertura: Marcello Dudovich, Nella Regini in abito da scena con piume e svolazzi, 1920-25 circa, Museo Nazionale Collezione Salce, Treviso]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close