Le sculture di Antony Gormley protagoniste a Londra

3 ottobre 2019

Antony Gormley, Body and Fruit, 1991/93. Vista della mostra "Antony Gormley", Royal Academy of Arts, Londra, dal 21 settembre al 3 dicembre 2019 © the Artist. Photo David Parry / © Royal Academy of Arts

Dopo gli appuntamenti dedicati a David Hockney, Anselm Kiefer e Ai Weiwei, la Royal Academy of Arts di Londra continua il suo percorso all’insegna dei grandi nomi dell’arte contemporanea, puntando questa volta i riflettori su uno dei protagonisti della scultura dei nostri tempi: Antony Gormley. Vincitore del Turner Prize nel 1994, l’artista britannico è infatti al centro di una nuova rassegna a lui intitolata, che resterà aperta fino al prossimo 3 dicembre e che rappresenta una delle tappe obbligate per gli art lover giunti in queste ore nella metropoli inglese in occasione dell’appuntamento fieristico con Frieze.

Curata da Martin Caiger-Smith, Antony Gormley ripercorre l’intera parabola creativa dello scultore, raccogliendo un ampio gruppo di opere passate e recenti, distribuite fra le tredici sale del museo londinese. In mostra, disegni, sculture e installazioni appositamente pensate per accompagnare l’osservatore lungo l’evoluzione di una delle carriere più affascinanti della scena internazionale.

A dare inizio al percorso espositivo è la toccante scultura Iron Baby: una riflessione sulla vulnerabilità della vita, espressa attraverso la presenza di un neonato in ghisa a grandezza naturale. Un avvio che condensa fin da subito il carattere esistenziale della mostra, amplificato dalle opere a seguire, tra figure antropomorfe che fluttuano nello spazio e forme geometriche pesantissime e silenziose, lasciate da sole a occupare la scena.

La ricerca di Antony Gormley è infatti tutta giocata sui contrasti tra pieno e vuoto, tra luce e buio. È lì, all’interno di questo solco, che l’artista si inserisce, per dare origine a una riflessione sul senso dell’umano e sul valore della relazione tra il corpo e lo spazio circostante. Come a chiedersi: che cosa siamo noi rispetto a ciò che ci circonda?

[Immagine in apertura: Antony Gormley, Body and Fruit, 1991-93. Vista della mostra Antony Gormley, Royal Academy of Arts, Londra, dal 21 settembre al 3 dicembre 2019 © the Artist. Photo David Parry / © Royal Academy of Arts]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close