Cinque Terre, la Via dell’Amore riaprirà nel 2023

16 ottobre 2019


In concomitanza con il ventennale dell’istituzione del Parco Nazionale delle Cinque Terre è stato presentato il progetto di fattibilità tecnico-economica per la messa in sicurezza e la riapertura della Via dell’Amore, lo spettacolare sentiero panoramico a strapiombo sul mare che connette Riomaggiore e Manarola, in Liguria.

Il percorso, chiuso al pubblico dal 2012 in seguito a una frana, dovrebbe tornare pienamente fruibile entro il 2023. Durante la presentazione del piano, che ha già ottenuto il via libera anche dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Liguria, l’assessore alla Difesa del Suolo, Giacomo Giampedrone, si è soffermato sulle coperture economiche, annunciando che il ripristino della Via dell’Amore verrà “finanziato interamente da Regione Liguria con fondi della Protezione civile per 2 milioni di euro, a cui si aggiungono i 3 milioni di euro stanziati dal ministero dell’Ambiente“.

Parole di speranza sono state espresse dalla presidente del Parco Nazionale, Donatella Bianchi, per la quale “restituire la Via dell’Amore alle Cinque Terre è una priorità di tutte le istituzioni del territorio. È un primo importantissimo segnale per le comunità e tutti coloro che amano le Cinque Terre nel mondo. Oggi ripartiamo da un risultato frutto di un impegno collettivo, locale, regionale e nazionale, che dopo molte difficoltà traccia finalmente il percorso di rilancio del Parco a cui vogliamo lavorare.

In attesa dell’affidamento dell’incarico per la progettazione definitiva ed esecutiva degli interventi, è stato reso noto che il progetto prevede il prolungamento della galleria paramassi esistente, numerose operazioni per la messa in sicurezza delle rocce instabili, il ripristino del sedime del sentiero e varie opere di sistemazione ambientale.