Il libro sul design “fai da te” di Sibella Court

19 novembre 2019


Per me la casa è come un museo, ma senza i cartelli con la scritta ‘si prega di non toccare’”. Basterebbero queste poche parole per sintetizzare il gusto di Sibella Court, la stilista d’interni australiana in libreria con Etcetera ‒ Il gusto di arredare con le cose che si amano (nell’immagine in apertura un dettaglio della copertina): una raccolta di segreti su come abbellire la propria abitazione, facendo ricorso agli oggetti apparentemente inutili del quotidiano.

UNA CASA MUSEO

Ristampato in una nuova, raffinatissima e ben curata edizione targata L’Ippocampo, il volume è un vero e proprio almanacco di suggerimenti che invitano il lettore a guardarsi intorno, cogliendo la bellezza e il valore poetico di quelle “cose” che, pur avendo apparentemente concluso la loro vita, hanno ancora molto da regalare (almeno in fatto di estetica).

È così che pezzi d’antiquariato, carte da parati, frammenti tessili, conchiglie e persino vecchi legni corrosi dalla salsedine vengono presi ad esempio come strumenti di arredo. Consigli “artigianali” per la tinteggiatura delle pareti e un’efficace selezione di fotografie fanno da contorno, mettendo insieme, nelle sue 254 pagine, una dimostrazione appassionata ed efficace su come diventare curatori del proprio spazio.