Artemisia Gentileschi ospite d’eccezione al Museo Diocesano di Milano

6 novembre 2019


Portare all’attenzione del pubblico opere di straordinaria importanza artistica e di intensa rilevanza religiosa. È questo l’intento alla base di Un capolavoro per Milano, l’iniziativa annuale che il Museo Diocesano Carlo Maria Martini porta avanti dal 2001, anno della sua inaugurazione.

LA TELA DI ARTEMISIA

Dopo aver ospitato in passato opere di assoluto rilievo ‒ come La cattura di Cristo di Caravaggio, Ecce Homo di Antonello da Messina, la Natività di Lorenzo Lotto e la Sacra Famiglia di Mantegna –, il museo porta oggi nei suoi spazi un altro capolavoro, il primo realizzato da una donna. Si tratta de l’Adorazione dei Magi, il dipinto su larga scala realizzato da Artemisia Gentileschi, in prestito dalla Diocesi di Pozzuoli.

Realizzata fra il 1636 e il 1637 come parte di una serie di tre dipinti commissionati dal vescovo spagnolo di Pozzuoli Martìn de Lèon y Cardenas, l’opera raffigura la scena evangelica dell’incontro tra la Vergine con il Bambino e i tre re magi. Dipinta a olio, coniugando stilemi caravaggeschi e influenze della pittura spagnola, la tela sarà ospitata nel Museo Diocesano fino al prossimo 26 gennaio.

[Immagine in apertura: Artemisia Gentileschi, Adorazione dei Magi, 1636-1637, Cattedrale di Pozzuoli, dettaglio]


Se clicchi OK acconsenti all'uso da parte di Sky dei cookie tecnici, analitici, di profilazione di prima e terza parte, che sono usati per capire i contenuti che ti interessano e inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie e decidere se acconsentire oppure no a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui la nostra Cookie Policy. Per leggere l'Informativa Privacy clicca qui

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close